12. ATTIVITA’ DI FORMAZIONE

Fondamentale è il ruolo che la legge n.190/2012 attribuisce all’attività formativa nell’ambito della realizzazione del sistema di prevenzione della corruzione.

A tal proposito, viene ritenuto essenziale:

  • 1) trasferire le conoscenze e creare le competenze necessarie per costruire e implementare il sistema di prevenzione;
  • 2) creare consapevolezza sulla “riforma in atto”;
  • 3) creare consapevolezza sulle responsabilità;
  • 4) aumentare l’attenzione sui temi dell’etica e della corruzione, quali elementi determinanti un funzionamento efficace ed efficiente della BIC.

Parte integrante del programma anticorruzione della BIC è, quindi, la sensibilizzazione dei dipendenti attraverso corsi di aggiornamento (principalmente in e-learning) volti a fornire un'adeguata formazione in materia di etica e integrità oltre alla conoscenza delle leggi e sulla normativa interna anticorruzione, nonché le indicazioni per riconoscere e gestire i segnali di allarme. Tale attività formativa si sviluppa mediante un programma di training e di aggiornamento obbligatorio per tutti i dipendenti su temi specifici e situazioni pratiche.
La formazione deve comprendere anche l’informazione al personale in materia di conflitto di interessi e incompatibilità oltre all’informazione sulle regole contenute nell’emanando codice di comportamento.
Il Responsabile della prevenzione della corruzione individua le procedure appropriate per formare i dipendenti destinati ad operare in settori particolarmente esposti alla corruzione; garantisce la formazione continua e l'aggiornamento, sia attraverso riunioni periodiche con tutti i dipendenti coinvolti che attraverso l'affiancamento dei dirigenti nelle azioni di controllo durante l'espletamento delle attività a rischio di corruzione.
Il personale da inserire nei percorsi formativi integrativi specifici - destinati ai dipendenti che direttamente o indirettamente svolgono un'attività all'interno degli uffici a rischio di corruzione - è individuato dal RPC di concerto con il Responsabile del Servizio interessato.

Il programma di formazione avrà ad oggetto anche l'esame specifico della normativa penale in materia di reati contro la pubblica amministrazione, in particolare l'articolo 1, comma 75, della legge n. 190 del 2012 e successive modificazioni, che introduce modifiche al codice penale nella parte relativa ai reati contro la pubblica amministrazione e in materia di corruzione e concussione, introducendo tra l'altro i reati di "Induzione indebita a dare o promettere utilità" e di "Traffico di influenze illecite", oltre ad una formazione specifica in tema di Codice di comportamento.